area multicultura

“A te. Straniero, se passando mi incontri e desideri parlarmi, perché non dovresti farlo? E perché non dovrei farlo io?”
Walt Whitman

L’area multicultura promuove l’integrazione e la socializzazione di persone provenienti da Paesi diversi dall’Italia. Premessa comune a tutti i servizi è quella di garantire parità di trattamento e uguale dignità agli utenti stranieri rispetto a quelli italiani riconoscendone e valorizzandone le rispettive appartenenze culturali integrate alle identità individuali.

Attività

Chi? Tutti coloro che abitano il nostro territorio, italiani o stranieri che siano, bambini ed adulti, utenti ed operatori

Cosa? Favorire l’integrazione di persone immigrate e dei loro figli all’interno della società di accoglienza

Come? Progetti ed azioni che promuovano e facilitino la comunicazione e comprensione con i cittadini ed operatori italiani ed il loro accesso ai servizi territoriali

Chi? Tutti coloro che sono vittime di tratta e sfruttamento sessuale, siano essi stanieri (tratta) o stranieri e italiani (sfruttamento sessuale)

Cosa? Favorire l’accesso alle opportunità offerte loro dalla legge e dal sistema dei servizi sociali e sanitari

Chi? Adulti vittime di violenza e maltrattamenti. Sono altresì beneficiari, solo per quel che riguarda l’accoglienza, anche gli eventuali figli minori delle vittime.

Cosa? Servizio di sostegno psicologico e legale

Come? Proteggere e favorire il reinserimento sociale e l’autonomia abitativa ed economica

Chi? Soggetti tossicodipendenti detenuti. L’attuale situazione sociale e politica vede una prevalente presenza in carcere di detenuti stranieri ed una maggioranza di immigrati tra le persone con problemi di tossicodipendenza.

Cosa? Gestione di interventi socio­sanitari ed educativi

Come? Garantire interventi sanitari e socio­rieducativi il più possibile omogenei e coerenti con l’offerta terapeutica praticata all’esterno